martedì 27 marzo 2012

Cinghiale alla panna

Durante l'inverno almeno un paio di volte il cinghiale lo cucino, ma sempre al solito modo: brasato con il  vino rosso.
Questa ricetta, mi è stata passata da una collega di mio marito, l'ho provata un mesetto fa, e vi assicuro che è deliziosa, delicata e saporita.
Non l'ho ancora pubblicata perché ormai è primavera e mi sembrava un piatto inadatto, ma poi ho visto il contest di Max e visto che l'avevo cucinata proprio nel coccio ho pensato di partecipare.


Ingredienti per 4 persone
800g di polpa di cinghiale
2 l di vino bianco secco (ho scelto Ortrugo doc )
100g di pancetta tesa
3 carote
5 spicchi di aglio
2 cipolle
2 canne di sedano
2 pomodori pelati a pezzetti
3 chiodi di garofano
5-6 bacche di ginepro
rosmarino
salvia
alloro
sale e pepe bianco
100ml di panna o crema di latte
olio evo
sale e pepe

Preparare la marinata: aggiungere al vino (1,2l), 2 carote a tocchetti, 3 spicchi di aglio, 1 canna di sedano, 1 cipolla e le erbe aromatiche. Inserire i pezzetti di polpa dopo averli ben lavati. Lasciare in infusione per almeno 24 ore (a volte faccio 36) in frigorifero.

Nel coccio di terracotta far soffriggere con un cucchiaio di olio la pancetta tritata a coltello, aggiungere le verdure (1carota, 1 canna di sedano, 2 spicchi di aglio, i pelati e la cipolla) ben tritate e la carne.
A fuoco alto rosolare la carne, introdurre le spezie e gli aromi, sfumare con il vino bianco tenuto da parte.
Aggiustare di sale e bagnare con un bicchiere di acqua fino quasi a  coprire la carne.
Cuocere a fuoco bassissimo coperto  per almeno 4 ore.
Prima di servire aggiungere la panna e lasciare insaporire mescolando per circa 10 minuti.
E' ottimo  anche con il pane, ma servirlo con la polenta è tutta un'altra cosa!!!!

Con questa ricetta partecipo al contest di Max "Un coccio al mese..."

7 commenti:

  1. anche io sono come te quando lo cucino o brasato o tritato per farne ragù. Mi segno questa ricettina per la prossima volta e sarà presto visto che in congelatore ne ho ancora un pò. Un bacione

    RispondiElimina
  2. Hai fatto bene a proporcelo, metti che torni freschino... questa è una gustosissima variante!

    RispondiElimina
  3. Elena non ho mai mangiato il cinghiale, ma dato che le carni selvatiche mi piacciono moltissimo non avrei dubbi! Non è ancora così caldo per non gustare una delizia del genere, hai fatto benissimo a condividerla. Grazie e buona giornata, Babi

    RispondiElimina
  4. Ma certo che mio piace...la selvaggina non si rifiuta mai, soprattutto questo perchè è un'ottima preparazione...proprio da coccio e concordo sulla polenta...tutt'altra cosa. Grazie per la partecipazione, ciao.

    RispondiElimina
  5. Ma certo che mio piace...la selvaggina non si rifiuta mai, soprattutto questo perchè è un'ottima preparazione...proprio da coccio e concordo sulla polenta...tutt'altra cosa. Grazie per la partecipazione, ciao.

    RispondiElimina
  6. :-( non ho mai assaggiato il cinghiale! Purtroppo in campania non è proprio una carne usuale e sono dell'idea che devo prima abituarmi al sapore originale e poi magari comprarlo nei grandi ipermercati! Complimenti :-) mi è venuta l'acquolina!

    RispondiElimina
  7. Non ho mai assaggiato il cinghiale ma non amo la selvaggina in genere..Però quel piatto fa venire un'acquolina pazzesca :-)

    RispondiElimina

Ora che sei arrivato fin qui, lasciami un commento...
mi fanno davvero piacere, sia i complimenti sia le critiche, ma ricordati di firmare!